Giardino di Boboli

giardinoboboliIl Giardino di Boboli è il giardino di Firenze per eccellenza. Occupa l'intera collina sul retro di Palazzo Pitti e diviene luogo di svago e diletto della famiglia dei Medici, che ne acquisì la proprietà dalla famiglia dei Pitti. I proprietari successivi furono i Lorena ed infine ai Savoia. E' un esempio sopraffino di giardino formale italiano e di architettura da esterni, costituito da innnumerevoli percorsi e viali, fontane, statue e spazi magnifici e panoramici, o squisitamente appartati.

Il Giardino di Boboli ha la notevole dimensione di 45.000 metri quadrati, quindi è necessario avere tempo a disposizione per poterne apprezzare le diverse aree ed attrazioni.

Giardino dell'Iris

giardino-iris

Il giardino dell'Iris è aperto al pubblico per un breve arco di tempo, ogni anno tra Aprile e Maggio, periodo nel quale si ha la massima fioritura degli Iris, a cui il giardino è dedicato.

L'iris, il "giaggiolo", è il simbolo della città di Firenze e visitare questo giardino significa immergersi nell'essenza stessa di Firenze.

Giardino delle Rose

giardinoroseIl Giardino delle Rose si affaccia sulle pendici della collina di Piazzale Michelangelo ed è il luogo ideale per riposarsi dopo un giro in città, entrando in una dimensione idilliaca e fuori dal tempo.

E' costellato da oltre 1000 varietà di rose dalle diverse sfumature e profumi. Le statue originali dell'artista Folon che spuntano qua e in là in mezzo ai cespugli danno un ulteriore tocco di surrealismo al giardino.

 

Giardino Bardini

giardinobardiniIl Giardino Bardini occupa l'altura al di sopra del quartiere San Niccolò. La sua scenografica scalinata si intravede da Ponte alle Grazie e dalla riva dell'Arno.

E' un giardino raffinato, adornato da statue aggraziate, sentieri suggestivi tra siepi ed aiuole sapientemente disposte, fontane, corridoi verdi che digradano per la collina, dietro la spettacolare vista sul Duomo di Firenze e il centro storico.

Giardino dell'Orticoltura

orticolturaNato come giardino di coltivazioni sperimentali per la Società Toscana di Orticoltura a metà 800, il Giardino dell'Orticoltura diventa parco pubblico nel 1930, dopo essere stato acquistato dal Comune di Firenze. 

Giardino dei Semplici

Il Giardino dei Semplici nasce nel 1545 per volontà di Cosimo de Medici, allo scopo di mostrare agli studenti di medicina le diverse varietà di piante officinali, già dal Medioevo definite come "Semplici". E' quindi una sorta di orto botanico esemplificativo delle varie specie di erbe utilizzate a fini curativi, che può considerarsi tra i più antichi ed importanti a livello mondiale